Perché molti strumenti di comunicazione e di marketing hanno una vita breve?. Poche ore o addirittura solo pochi minuti li separano dall’essere attratti e ingoiati dal buco nero della comunicazione di marketing: Il cestino. Scopri alcuni elementi semplici da applicare che allungheranno la vita dei tuoi materiali e …la tua lista clienti.

Lo sai bene, perché per molti è un rito mattiniero quello del controllo della corrispondenza e delle email. E quando apri il cestello della posta, oppure guardi la cartella dei messaggi in arrivo del tuo computer ti trovi sommerso dalla quantità di notizie. Tutti ripetono la stessa canzone: “Compra me…..Comprami ….Acquistami!”.

Ogni mattina la forza gravitazionale del cestino si attiva. Ogni giorno, in migliaia di scrivanie di tutto il mondo, tonnellate di lettere, brochures, cataloghi, direct mail, fax promozionali e altro, finiscono inesorabilmente nel cestino. Il destino di questa forma di comunicazione è spesso quello di sparire miseramente, senza che la luce dello sguardo di un essere umano li abbia visti.

Lo so, probabilmente stai pensando che la stessa fine è segnata per i tuoi materiali di marketing.
Hai speso tanti soldi per costruire il tuo logo e creare l’immagine, e probabilmente altrettanti per stampare e distribuire brochures, lettere ed altri materiali promozionali. Ogni giorno, tutti questi pezzi di comunicazione lottano per accaparrarsi le nostre risorse più limitate: tempo ed Attenzione.  Ogni giorno siamo sottoposti a migliaia di stimoli pubblicitari. È stato calcolato che giornalmente una persona riceve oltre tremila messaggi pubblicitari di diverso genere, dalla pubblicità televisiva, cartelloni, radio, ecc.

Come possiamo strappare la nostra comunicazione dall’impulso gravitazionale del cestino? Cinque strategie per creare un messaggio di marketing che sfugga alla gravità del cestino:

I° Elemento: Usa una intestazione ( Headline) che susciti interesse e curiosi
nel lettore. L’intestazione, o headline è il titolo e la parte iniziale della comunicazione. E’ fondamentale che questa sia sufficientemente accattivante e stimolante per stimolare il lettore a proseguire nella lettura del pezzo. L’intestazione è l’ancora che lega e deve condurre il lettore a proseguire nella lettura del tuo messaggio di marketing.  Hai mai notato come leggiamo i quotidiani? Diamo una visione di insieme ai titoli fino a che uno particolare ci colpisce e ci incuriosisce al punto di portarci a leggere tutto l’articolo. Usare una intestazione, un titolo accattivante e stimolante è uno degli elementi fondamentali perché il pezzo di comunicazione venga letto. E studiare i titoli dei giornali e dei quotidiani è un ottimo metodo per imparare a trovare delle headlines efficaci. Il titolo, deve diventare il messaggio che vende il messaggio. Il tuo scopo nella comunicazione deve essere quello che il messaggio di marketing venga effettivamente letto e recepito dal lettore.

Il titolo diviene lo strumento di vendita che deve “vendere” al tuo lettore il resto della comunicazione, incuriosendolo, stimolandolo a leggere di più. Se il titolo suscita attenzione ed interesse nel lettore, le probabilità che il resto del messaggio venga letto, aumentano in maniera esponenziale. Allo stesso tempo, un titolo fiacco o noioso, distanzia il lettore, e la probabilità che la comunicazione venga letta in un secondo momento è molto remota. (il cestino è sempre troppo vicino).

II° Elemento: Evitare l’effetto Io-Io nella propria comunicazione
Hai mai letto una brochure o un volantino di tipo “istituzionale” ? Solitamente questo genere di elementi di comunicazione ha l’abitudine sgradevole di usare l’elemento io-io. Il suo messaggio di marketing è totalmente autoreferenziale. Che cosa è l’elemento Io-Io? Uno dei grandi errori di molti messaggi di marketing istituzionali è quello di avere una comunicazione orientata in modo totalmente autoreferente. I materiali che seguono i canoni della comunicazione “Io-Io” hanno quasi sempre questa forma:
”La nostra ditta è la più grande….” Oppure anche “Noi siamo…” “Noi facciamo….” “Noi abbiamo..” “Noi siamo i più grandi….” Ecc.

Questo genere di monologo comunicativo allontana i clienti come la peste! Rovesciare l’effetto Io-Io significa creare messaggi di marketing orientati e centrati sul cliente, non sulla azienda. Molti materiali di comunicazione e di marketing falliscono nel creare un messaggio diretto agli interessi del cliente. Il tono impersonale e spesso asettico della maggior parte delle comunicazioni istituzionali lascia da parte, oppure volutamente dimentica il referente al quale la comunicazione è diretta: il cliente. Il modo migliore per ottenere questo rovesciamento dello stile di comunicazione è di invertire le parti. Scrivere come se si fosse “nei panni” del nostro ascoltatore. Quali sono i problemi che i nostri prodotti o servizi risolvono per lui, quali sono i vantaggi, i benefici, le opportunità che avrà dall’utilizzare il nostro lavoro?

III° Elemento: Creare una offerta ed un invito ad agire.
Molti messaggi di marketing evitano attentamente di fare alcun genere offerta al lettore. Si limitano semplicemente ad attestarela loro presenza. Quasi sempre i materiali di marketing sviluppati senza un preciso messaggio di marketing sono semplicemente un riassunto di servizi o prodotti forniti da una determinata azienda. In questo scenario, le imprese falliscono nel creare:

Materiali di marketing che educhino, informino e stimolino all’azione il lettore o cliente. L’offerta può avere diverse forme. Non necessariamente si deve spingere il lettore all’acquisto. Uno dei sistemi più efficaci per stimolare l’azione è quello “soft” di proporre l’invio di materiale informativo relativo a determinati prodotti o servizi.

IV° Elemento: Offrire al lettore diverse scelte
Lo scopo della comunicazione di marketing è di stimolare nel lettore, nel potenziale cliente una specifica risposta. Allo stesso tempo, ogni persona ha un modo diverso con il quale preferisce rispondere ad un determinato messaggio di marketing: più scelte = più possibilità di essere contattati. Alcuni preferiranno prendere in mano il telefono e contattarti. Altri sceglieranno di scriverti una email. Altri ancora potranno visitare il tuo sito web e richiedere del materiale informativo. Altri ancora, preferiranno prendere contatto direttamente con un venditore, o visitare di persona la tua attività. Rendere chiaro che esistono diversi modi  per entrare in contatto con te ed offrire alternative aumenterà le richieste dei potenziali clienti.

V° Elemento: Lascia che i tuoi clienti parlino per te raccontando il tuo messaggio di marketing
Includi nella tua comunicazione le testimonianze dei clienti soddisfatti che hanno avuto modo di utilizzare con profitto i tuoi prodotti o servizi. Puoi Uusare efficacemente i testimonial dei clienti è uno strumento utilissimo per rimuovere le il rischio percepito da potenziali clienti che probabilmente desiderano acquistare i tuoi prodotti o servizi, ma hanno qualche sorta di resistenza. Chiedi ai tuoi clienti una testimonianza del tuo lavoro con loro. Ti sorprenderai del fatto che molti saranno felici di aiutarti.



2017-05-18T20:44:16+00:00 Tags: |